Intolleranza al Lattosio: Cause, Sintomi e Gestione

L’intolleranza al lattosio è una condizione comune che colpisce un gran numero di persone in tutto il mondo. Essa si verifica quando il corpo non è in grado di digerire correttamente il lattosio, lo zucchero
presente nel latte e nei suoi derivati. Questo disturbo può causare una serie di sintomi spiacevoli che vanno dalla lieve irritazione gastrointestinale fino a disturbi più gravi.

 Cause

La principale causa dell’intolleranza al lattosio è la mancanza dell’enzima lattasi nell’intestino tenue. L’enzima lattasi è responsabile della scomposizione del lattosio in glucosio e galattosio, che
possono essere assorbiti dall’organismo. Senza abbastanza enzima lattasi, il lattosio non viene adeguatamente digerito e può causare sintomi gastrointestinali.
L’intolleranza al lattosio può essere ereditaria e si verifica più comunemente in persone di origine asiatica, africana, mediorientale e mediterranea. Può anche svilupparsi in seguito a danni all’intestino tenue causati da condizioni come la malattia celiaca, la sindrome dell’intestino irritabile o in seguito a trattamenti come la chemioterapia.

 Sintomi

I sintomi dell’intolleranza al lattosio possono variare da persona a persona e dipendono dalla quantità di lattosio consumata e dalla quantità di enzima lattasi presente nell’intestino.
I sintomi comuni includono:

  • Gonfiore Addominale
  • Crampi
  • Diarrea
  • Nausea
  • Gas e flatulenza

I sintomi di solito si manifestano entro 30 minuti o alcune ore dopo aver consumato alimenti o bevande contenenti lattosio.

 Gestione

Non esiste una cura per l’intolleranza al lattosio, ma esistono diverse strategie per gestire i sintomi e prevenire disagi:

  • Evitare o limitare il consumo di lattosio: ridurre o eliminare il consumo di latte e prodotti lattiero-caseari può aiutare a prevenire i sintomi.
  • Utilizzare sostituti del latte senza lattosio: Esistono molti prodotti lattiero-caseari alternativi sul mercato che sono privi di lattosio, come il latte di mandorla, il latte di soia o il latte di cocco.
  • Assumere integratori a base di lattasi: Questi ultimi sono disponibili senza prescrizione medica e possono aiutare a digerire il lattosio se assunti prima di consumare alimenti che lo contengono.
  • Reintrodurre il lattosio in maniera graduale: alcune persone con intolleranza al lattosio possono tollerare piccole quantità di lattosio senza sintomi. Gradualmente reintrodurre il lattosio nella dieta può aiutare a determinare il livello di tolleranza individuale.

 È importante consultare un medico se si sospetta di avere un’intolleranza al lattosio per ottenere una diagnosi accurata e un piano di gestione personalizzato. Con la giusta gestione, molte persone con intolleranza al lattosio possono continuare a condurre una vita normale senza sintomi gastrointestinali.

Messenger
Email
Phone
WhatsApp
Messenger
WhatsApp
Phone
Email
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo shop