Indicata per chi vuol migliorare la ritenzione idrica, eliminando quindi i ristagni di liquidi e tossine favorendo la riduzione del peso e il veloce modellamento di cosce, glutei e addome, zone spesso affette da cellulite.

La ritenzione idrica, è caratteristica di alcune zone che sono generalmente cosce, glutei ed addome perchè risultano essere anche quelle predisposte per l’accumulo di grasso.

Se l’ago della bilancia non si muove ma i vestiti “tirano”, non è un problema di grasso ma di gonfiore, provocato probabilmente da sedentarietà o da un’alimentazione troppo ricca di sale.

Per smaltire i chili in eccesso è fondamentale garantire anche un buon drenaggio dei liquidi dell’organismo.
Perdere i liquidi accumulati è più facile e veloce rispetto a bruciare i depositi di grasso.

Chi ha seguito diete restrittive sa che la maggior parte del peso che si perde all’inizio della dieta è legato soprattutto all’eliminazione dei ristagni di acqua e, in seguito, soprattutto alla riduzione del sale e del sodio in particolare.

D’altro canto, se è facile perderli, è però altrettanto veloce riacquistarli: i liquidi del corpo, per loro natura, “fluttuano”.
I liquidi che si accumulano portano piano piano alla comparsa di ritenzione idrica, gonfiori e cellulite, contribuendo in modo non indifferente al sovrappeso.

La ritenzione idrica spesso crea sovrappeso ma è da considerare che ormai i diversi studi medici hanno dimostrato che la ritenzione idrica fa aumentare il peso corporeo in modo marginale.
Si è anche dimostrato che è il sovrappeso a scatenare la ritenzione idrica perchè il peso in eccesso rallenta la diuresi.

Per sbloccare la situazione, possiamo aiutare il nostro organismo a drenare al meglio i liquidi in eccesso con una dieta ad hoc ed un ottimo prodotto drenante come il nostro DRY UP da assumere dopo colazione preparando mezzo litro di acqua naturale in cui diluire 15 ml di “DRY UP” da sorseggiare durante la mattinata ed altri 15 ml di “DRY UP” da sorseggiare durante il pomeriggio per favorire l’azione drenante, depurativa e saziante.

Per eliminare ristagni e liquidi in eccesso bisogna agire su due fronti: uno è il drenaggio dei reni, gli organi filtro, di smaltimento delle tossine, e l’altro è la stimolazione del sistema linfatico.

Favorire la diuresi

Il buon funzionamento dei reni consente all’organismo di espellere scorie e tossine, mantenendo pulito il circolo sanguigno.
Data questa loro importante funzione i reni sono definiti il “filtro” dell’organismo, così come il fegato, che, se intasato da sostanze nocive, comporta l’intossicazione di tutto il corpo.

Riattivare il sistema linfatico.

Il sistema linfatico svolge un’azione più lenta di quella dei reni, ma altrettanto importante.
La sua opera riguarda l’inattivazione di detriti cellulari e di microrganismi “all’interno” dell’organismo. Anche il drenaggio dei liquidi infiammatori e della naturale linfa che si produce in ogni tessuto avviene nel circolo “chiuso” costituito dall’albero linfatico e circolatorio.

Esso dunque opera una purificazione del sangue di tipo diverso: si occupa di ciò che filtra dal punto di passaggio tra capillari arteriosi e venosi, ovvero toglie dal circolo ciò che potrebbe appesantire l’azione depurativa di tipo renale.

Sebbene la sua attività sia più lenta e riguardi una quantità minore di sangue, esso è indispensabile per mantenere i vari tessuti al meglio della loro funzione.

Inoltre i nostri nutrizionisti consigliano di una prima tazza di tisana a digiuno e la seconda verso le quattro del pomeriggio.
In questi momenti il sistema linfatico è più attivo e la tisana lo aiuta meglio a eliminare tossine e ristagni.

 

Tisana

Drena le scorie acide.

Ingredienti:

  • 30 g di foglie di frassino
  • 40 g di foglie di betulla
  • 10 g di tallo di fucus
  • 20 g di foglie e fiori di biancospino

Preparazione e modo d’uso

Fai una miscela con tutte le erbe, e prepara un decotto: versane 15 g (un cucchiaino) in una tazza d’acqua fredda, fai bollire per 5 minuti.
Leva dal fuoco, fai riposare per 10 minuti, filtra e bevi.

La dose consigliata

Per la durata di una settimana,bevi 3 tazze al giorno di questa tisana.
Quindi puoi fare una pausa di una settimana e ripetere per un’altra settimana l’assunzione della tisana.
Il fucus è controindicato se…
Il prodotto a base di fucus sono controindicati in caso di ipertiroidismo, cardiovasculopatie, ipertensione e nelle donne in gravidanza o allattamento e dovrebbero comunque essere assunti sotto il controllo medico.
Se soffri di aritmie o disturbi tiroidei sostituisci il fucus con la clorella.

Tisana

Stimola i reni e disinfiamma

Ingredienti:

  • 30 g di radice di gramigna
  • 30 g di peduncoli di ciliegia
  • 30 g di radice di bardana

Preparazione e modo d’uso

Metti un cucchiaino di peduncoli di ciliegia, uno di radice di gramigna e uno di radice di bardana dentro una tazza di acqua bollente.
Fai bollire 10 minuti e poi spegni la fiamma.
Lascia in infusione per 10 minuti, quindi filtra e bevi.
Dolcifica con miele d’acacia.

La dose consigliata.

Bevi la tisana a metà mattina e a metà pomeriggio.

Dieta contro la ritenzione idrica menù 7-15 giorni

Durata: 7-15 giorni

Per prevenire la ritenzione, oltre alla tisana, assumi il mirtillo fresco in succo, alla mattina prima di colazione. Essendo ricchissimo di sostanze antiossidanti e di vitamine, rafforza il sistema circolatorio ed evita il deposito di scorie nei tessuti.

Per eliminare i gonfiori senza eliminare completamente i piatti più saporiti, si può seguire per 7 o 15 giorni questa dieta sgonfiante.

COLAZIONE

Té o infuso di tiglio con un cucchiaino di miele vergine integrale; uno yogurt naturale con un cucchiaino di germe di grano; una macedonia senza zucchero

DRY UP da assumere dopo colazione preparando mezzo litro di acqua naturale in cui diluire 15 ml di “DRY UP” da sorseggiare durante la mattinata

PRANZO

Pasta con pomodoro fresco, aglio, peperoncino e basilico; fiocchi di latte con un cucchiaino di olio extravergine di oliva, due kiwi.

Oppure: insalatona mista condita con un cucchiaino di olio extravergine di oliva con succo di limone ed erba cipollina tritata; insalata di mare; pane tostato o di segale; 1/2 pompelmo rosa.

Oppure: insalatona di sedano, carote, lattuga e pomodori con un cucchiaio di olio, petto di pollo a dadini, pane tostato o di segale, una coppa di mirtilli al naturale

DRY UP da assumere dopo colazione preparando mezzo litro di acqua naturale in cui diluire 15 ml di “DRY UP” da sorseggiare durante il pomeriggio

CENA

Passato di verdura con crostini di pane toscano tostato; sogliola o salmone alla piastra; due finocchi al vapore conditi con un cucchiaino di olio e pepe; due fette di ananas.

Oppure: fagiolini lessati conditi con un cucchiaino di olio extravergine di oliva; due uova alla coque; 1/2 pompelmo rosa; oppure: tacchino al forno; spinaci al vapore con succo di limone e olio

Indicata per chi vuol dimagrire nonostante la difficoltà rappresentata da condizioni lavorative che spesso impongono il consumo dei pasti principali fuori casa.

Seguire una dieta quando si lavora non è certo facile. Secondo un recente studio solo una su cinque è in grado di rispettare le regole di un regime dimagrante. Il motivo principale? Il pranzo fuori, magari con uno snack davanti al computer. Ma anche se si mangia a casa può essere snervante mettersi a pesare ingredienti o impazzire per la spesa prevista da un determinato regime alimentare. Nel menù proposto non c’è la predominanza di alcun nutriente e le alternative per il pasto di mezzogiorno sono tante. I piatti proposti, inoltre, sono semplici e veloci da preparare. L’ideale, appunto, per chi lavora.

Dopo la colazione preparare mezzo litro di acqua naturale in cui diluire 15 ml di “DRY UP” da sorseggiare durante la mattinata ed altri 15 ml di “DRY UP” da sorseggiare durante il pomeriggio per favorire l’azione drenante, depurativa e soprattutto saziante, quest’ultima di fondamentale importanza soprattuto quando si trascorre la maggior parte della giornata fuori casa e pertanto gli attacchi di fame e i fuori pasto possono sempre essere una forte tentazione.

Tale dieta prevede ogni giorno tre pasti principali e due spuntini, a metà mattina e a metà pomeriggio, a base di yogurt, frutta o crackers.

A pranzo e a cena si può scegliere che cosa mangiare tra un elenco di piatti possibili a base di carne o pesce e un contorno di verdure e prima dei due pasti principali si consiglia di associare 2 compresse di “EASYTHIN” che infatti garantisce una sensibile riduzione dell’assorbimento di grassi e carboidrati, ne consegue un abbassamento del picco glicemico e quindi il blocco del senso di fame.

Due volte alla settimana, invece, si può sostituire un pasto con un’alternativa a base di pasta o riso. Dopo cena, infine, si può ultimare il pasto con un frutto, una mousse, un bicchiere di latte o qualche biscotto. Può essere seguita sempre senza problemi: una volta raggiunto il peso forma, basta introdurre gradualmente più calorie giornaliere aumentando le quantità degli alimenti previsti. Così puoi perdere circa un chilo alla settimana nel primo mese e poi via via a decrescere nei mesi successivi. E non c’è alcuna avvertenza. Dev’essere modificata dal proprio medico solo in caso di malattie particolari, come l’insufficienza renale, il diabete o lo scompenso cardiocircolatorio.

Ecco alcune regole da ricordare :

  • Se le analisi del sangue sono a posto, scegli il tipo di carne che preferisci. Altrimenti fatti consigliare dal tuo medico
  • I metodi di cottura ideali per carni, pesce e verdure sono al forno, al cartoccio, al vapore o alla piastra.
  • Cerca di usare poco sale: normalmente ne consumiamo molto più del necessario. Per insaporire le pietanze meglio utilizzare le erbe aromatiche o le spezie.
  • Non mangiare uova e formaggio più di una volta a settimana.
  • Evita il mais: è un cereale, non una verdura, quindi può essere indicato non come contorno ma come alternativa alla pasta.
  • Non considerare patate e legumi come contorno: non sono verdure! Puoi mangiare le patate a cena come alternativa al pane o i legumi con la pasta come piatto unico.

 

DIETA

COLAZIONE

  • un bicchiere di latte parzialmente scremato (g 150);
  • un caffè con un cucchiaino di zucchero;
  • due fette biscottate oppure 20 gr di biscotti oppure di cereali.

Dopo la colazione preparare mezzo litro di acqua naturale in cui diluire 15 ml di “DRY UP” da sorseggiare durante la mattinata

SPUNTINO DI METÀ MATTINA

A scelta tra:

  • uno yogurt magro anche alla frutta;
  • un cappuccino con un cucchiaino di zucchero;
  • un pacchetto di crackers
  • un frutto di stagione.

PRANZO

Prima del pranzo si consiglia di associare 1 compressa di “EASYTHIN” in un bicchiere d’acqua naturale

Un piatto a scelta tra:

  • due uova;
  • tonno sott’olio sgocciolato una confezione
  • prosciutto crudo o cotto o speck o bresaola
  • arrosto di tacchino
  • 4-5 bastoncini di pesce impanati e cotti al forno
  • carne bianca
  • pesce fresco o surgelato
  • formaggio light

Inoltrea:

  • un contorno di verdure crude o cotte in quantità a piacere condito con un cucchiaino di olio extravergine di oliva;
  • mezza rosetta o panino integrale smollicato

Dopo la colazione preparare mezzo litro di acqua naturale in cui diluire 15 ml di “DRY UP” da sorseggiare durante il pomeriggio

MERENDA A METÀ POMERIGGIO

A scelta tra:

  • uno yogurt magro anche alla frutta;
  • 20 grammi di cioccolata o due cioccolatini;
  • una spremuta di arancia;
  • un cappuccino con un cucchiaino di zucchero;
  • una barretta di cereali;
  • un ghiacciolo o un mini gelatino;
  • un tè con un cucchiaino di zucchero e due o tre pasticcini.

CENA

Prima di cena si consiglia di associare 1 compressa di “EASYTHIN” in un bicchiere d’acqua naturale
Un piatto a scelta tra:

  • carne bianca
  • pesce cucinato e condito secondo le proprie abitudini
  • un’altra alternativa indicata per il piatto del pranzo.

inoltre

  • un contorno di verdure crude o cotte in quantità a piacere condito con un cucchiaino di olio extravergine di oliva;
  • mezza rosetta oppure una porzione di legumi o di patate (150 grammi).

DOPO CENA

A scelta tra:

  • una mousse magra alla frutta;
  • un bicchiere di latte parzialmente scremato;
  • 20 g di biscotti anche al cioccolato;
  • un sorbetto alla frutta;
  • un frutto di stagione

ALTERNATIVA PER UN PASTO

(al massimo due cambi a settimana)

  • un piatto di pasta o riso (80 grammi) con pomodori pelati o verdure a piacere condito con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva e 20 grammi di tonno oppure di carne trita oppure 50 grammi di vongole oppure un cucchiaio di pesto o due cucchiaini di formaggio grattugiato;
  • un contorno a base di verdure a scelta condito con un cucchiaino di olio extravergine di oliva oppure un frutto a scelta (mela, pera, arancia, kiwi, pesca, banana piccola, 200 grammi di ananas, fragole o melone, 400 grammi di cocomero, due o tre albicocche, nespole o prugne, o 15 ciliegie).

Indicata per chi vuol perdere peso attraverso un percorso drenante e detox che consentirà un miglioramento dello stato di idratazione, depurazione dell’organismo con una graduale perdita di chili sulla bilancia e di conseguenza anche tanti centimetri in tutti i settori dalle braccia alle gambe, dall’addome ai fianchi

La prima strategia alimentare per depurare il nostro organismo non viene dal cibo ma dall’acqua. Un consumo di grandi quantità d’acqua, dai 2 ai 3 litri al giorno, è l’ideale. In particolare le acque più ricche di sali come magnesio e calcio stimolano la bile e svolgono un’azione “pulente” sul fegato, da considerarsi come la sentinella della nostra salute. Al mattino appena svegli e a digiuno proviamo a iniziare bevendo una tazza di acqua tiepida e mezzo limone premuto. Elementi semplici ma benefici per il nostro organismo, con un’azione alcalinizzante, ovvero riduce l’acidità totale del nostro corpo ed elimina le tossine dal sangue, aiutando a mantenere la pelle chiara.

L’acqua deve essere tiepida, perchè l’acqua fredda crea uno shock al nostro intestino, e la dose di limone va da 1/4 a 1/2 al giorno. E’ bene partire sempre da meno in modo tale che abituiamo il nostro organismo. Il succo di limone può danneggiare lo smalto dei denti in soggetti particolarmente sensibili, pertanto di consiglia di utilizzare la cannuccia per evitare qualsiasi problema di questo tipo.

Questi benefici dell’iniziare la giornata con il limone: rafforza il sistema immunitario, aiuta la perdita di peso in quanto i limoni sono ricchi di fibre di pectina, che aiutano a combattere la fame. È stato anche dimostrato che le persone che hanno una dieta più alcalina perdono peso più velocemente. Inoltre aiuta la digestione ed è un diuretico naturale

Dopodichè a colazione, un bicchiere di latte parzialmente scremato ad alta digeribilità o latte di soia o di avena oppure una tazza di tè classico o tè verde con delle fette biscottate integrali con un velo di marmellata. Come alternativa una macedonia di frutta di stagione a volontà con uno yogurt e fiocchi di avena.

Dopo la colazione preparare mezzo litro di acqua naturale in cui diluire 15 ml di “DRY UP” da sorseggiare durante la mattinata ed altri 15 ml di “DRY UP” da sorseggiare durante il pomeriggio

Per lo spuntino sia mattutino che pomeridiano sempre meglio consumare un frutto di stagione, una premuta di arance fresche oppure uno yogurt e una barretta ai cereali.

Per il pranzo si consiglia un primo piatto a base di riso o pasta (cotta al dente) cucinata con il pomodoro o verdure (minestrone o zuppe di farro o di orzo) o con lenticchie e un contorno di verdure bollite o grigliate mentre per la cena un secondo a base di carne bianca (pollo, tacchino) o pesce (merluzzo, polipo, calamari, spigola, orata, pesce persico, cernia, pesce spada, salmone, tonno, sgombro) con una insalata e/o verdure.

 

Ecco gli alimenti su cui puntare per garantirsi un menù detox e drenante

Carciofi:

eliminano la sensazione di pesantezza, soprattutto se crudi in insalata oppure appena scottati in padella.

Mele:

utilissime per combattere la ritenzione idrica e sbarazzarsi dei chili di troppo, quella verde è ideale perché contiene poche calorieha maggiori proprietà depurative. Mele ma anche pere, ben masticate o anche sotto forma di centrifugati o frullati

Avena:

Grazie alla sua elevata quantità di proteine è un alimento estremamente nutritivo e stimola il metabolismo aiutando così a perdere i chili di troppo: ottima a colazione ma anche aggiunta a minestre e vellutate.

Songino:

una varietà di insalata che contiene tantissime vitamine come la A, B e C. Stimola l’intestino depurandolo e aiuta ad eliminare le tossine.

Zenzero:

un ottimo alimento che aiuta ad eliminare impurità e tossine dallo stomaco oltre che apportare un effetto antiossidante che combatte i radicali liberi.

Asparagi, cicoria, carciofi, broccoli, zucchine, spinaci

dall’azione drenante e stimolante.
Verdure in abbondanza (bollite o grigliate) riempiono lo stomaco senza danni per la linea, dando un senso di sazietà immediato.

Importante poi introdurre alimenti contenenti acidi grassi insaturi, come la frutta secca (ad esempio 5 mandorle o nocciole al giorno)

Finocchi:

ottimi per l’effetto diuretico e per stimolare la funzionalità intestinale.
Contiene pochissime calorie e può essere utilizzato sia crudo che come condimento di pasta e ripieni.

Dopo cena si consiglia una tisana. Ecco come prepararla : Ingredienti 30 g di cardo mariano
30 g di bardana
20 g di anice
10 g di menta
10 g di liquirizia

Fai una miscela con tutte le erbe. Metti a macerare 1 cucchiaio di miscela in una tazza d’acqua per due ore; porta quindi a ebollizione e lascia in infusione per mezz’ora. La dose consigliata è di un litro al giorno, da suddividere in quattro grandi tazze, da bere lontano dai pasti

E’ bene ricordare alcune regole di base che favoriscono l’eliminazione delle tossine dall’organismo evitando così l’eccesso di accumulo di sostanze comunque nocive per il nostro corpo.
1) Evitare l’assunzione di cibi troppo lavorati e zuccherosi, quindi bandire prodotti alimentari confezionati, come merendine, sacchetti di patatine, cibi ricchi di conservanti e grassi animali.
2) Evitare di bere bevande zuccherate come succhi di frutta, Cola, Aranciata e Gassosa.
3) Evitare l’assunzione di Superalcolici e ingenti quantità di vino, in quanto essendo vasocostrittori impediscono una corretta ossigenazione delle cellule.
4) Assumere tanta frutta e verdura fresca di stagione, ricche oltre che di fibre anche di vitamine e sali minerali dall’azione antiossidante, particolarmente indicati per eliminare la stagnazione delle tossine nell’organismo.
5) Prediligere carni bianche, pesce, formaggio fresco, al posto della carne rossa e formaggi stagionati ricchi di sale e grassi saturi che favoriscono la ritenzione idrica e la cellulite.